APM Informa no. 30 12 dicembre 2012

Cari amici,

Il comitato cittadino di Rignano Flaminio ancora una volta nel suo comunicato n. 5 del dicembre 2012 scrive cose che non hanno fondamento nella realtà dei fatti.

Prima di tutto, visto che il Comitato cittadino di Rignano Flaminio si erge come promotore della trasparenza e della legalità, mettiamo in evidenza che i predetti comunicati sono inviati anche a tutti i nostri associati, anche se non ne hanno fatto richiesta. Gradiremmo sapere dove sono stati presi gli indirizzari e chiarire che forse esiste una violazione della privacy.

La trasparenza tanto sbandierata dal comitato non trova riscontro nei fatti, gli articoli pubblicati non vengono firmati, ed inoltre non si capisce (se mai ci fosse un interesse in merito da parte nostra) da chi è composto questo fantomatico comitato, da chi è stato eletto, quali sono i suoi scopi ecc. Nel sito di questo comitato, poi, non vi è traccia della sua composizione, esistono semplicemente dei collegamenti con le istituzioni del Comune di Rignano Flaminio, e questo può forse chiarirci qualche dubbio.

Noi di APM abbiamo deciso di non entrare in polemica con questi signori, e tanto meno di abbassarci al loro livello: li giudichiamo come una entità che tende a deformare la realtà dei fatti, a gettare discredito sulla gestione amministrativa del Centro, a destabilizzare senza proporre una strategia di gestione che sia credibile, realizzabile, ma che soprattutto rispetti le attuali regole (fintanto che queste regole non verranno modificate in modo democratico).

Sintetizziamo ora la realtà dei fatti, che i nostri associati ed i cittadini di Montelarco conoscono con precisione:

· Il costo dell'Amministratore del Centro Residenziale Montelarco è stato approvato dall'Assemblea dei Soci.

· Le analisi dell'acqua sono state e sono sempre nella norma della legge; in particolare, le analisi inerenti l’arsenico sono state ripetute ulteriormente, e sempre con risultati nella norma.

· Il costo dello scarico in fogna era stato concordato con la precedente amministrazione con un consumo medio forfettario di acqua pro capite, mentre la nuova amministrazione comunale, assumendo come base di riferimento i valori dei singoli contatori, vuole depurare e tassare anche l'acqua utilizzata per irrigare.

· In base all'ultima sentenza del Tribunale, il Centro Residenziale Montelarco è una proprietà privata gestita da proprietari dei terreni e degli immobili con votazione in apposite assemblee secondo il regolamento in uso. I rallentatori di velocità istallati su una proprietà privata non hanno bisogno di autorizzazione comunale ma solo di quella dei proprietari.

· Le idee e lo scritto del Dott. Tartaro, ex amministratore del Centro Residenziale Montelarco, sono a livello personale e non rispecchiano la volontà dei proprietari del CRM non essendo passata in assemblea tale proposta.

Infine vorremmo ricordare al predetto comitato, dichiaratosi difensore della democrazia , che invitare le persone a non andare all'assemblea per esercitare i propri diritti non viene ritenuta la migliore strada per la democrazia e per tutelare i propri interessi. Anzi partecipare all'assemblea permette a ciascuno di esprimere il proprio parere che verrà realizzato o meno attraverso la votazione dell'assemblea.

Claudio Irace

(Presidente APM)

 

APM INFORMA n. 29 5 dicembre 2012

Cari amici,

in merito al ricorso deliberato dall' Assemblea APM il 24 Novembre scorso, sono lieto di comunicarvi che già abbiamo ottenuto un importante risultato: il TAR ha accolto l'istanza cautelare provvisoria, sospendendo quindi l'efficacia dell'ordinanza impugnata (la n. 66/2012) fino al giorno in cui la Camera di Consiglio dello stesso TAR discuterà l'istanza di sospensiva alla presenza delle parti (noi ed il Comune di R.F.).

Detta discussione avrà luogo il 10 gennaio 2013, ed in tale occasione il TAR valuterà se confermare o meno la sospensione dell'ordinanza sino alla decisione della controversia nel merito.

Un caro saluto

Claudio Irace

(Presidente APM)

APM Informa n. 28 / 4 Ottobre 2012

Cari amici,

si è appena concluso, a fronte di una stretta e fattiva collaborazione tra APM ed il competente Ufficio Tecnico del Comune, un lungo ed impegnativo lavoro di revisione di tutte le (attuali) 428 posizioni inerenti le pratiche di allaccio in fogna. Da questo lavoro sono tra l’altro emerse, con assoluta chiarezza per entrambe le parti, le posizioni ancora debitorie nei confronti del Centro, ossia, circa 40 proprietà che ancora non hanno pagato il

loro contributo alla costruzione dell’impianto fognario – contributo che tuttora è prerequisito essenziale per ottenere le dovute autorizzazioni all’ allaccio.

Questa opera di chiarezza è stata fortemente voluta (oltre che ovviamente da APM), anche dall’attuale Sindaco, e su di lui eserciteremo ora forti pressioni affinché provveda – come la normativa richiede – alle dovute sanzioni nei confronti degli inadempienti.

Un’ altra buona notizia: l’azione di pignoramento promossa dal Centro verso i soccombenti della causa Casavola (ricorderete, ci sono voluti tutti i gradi di giudizio), ha indotto il soccombente stesso a più miti consigli; costui ha chiesto – ed ottenuto dal Giudice preposto – di pagare l’intera somma

dovuta (circa 23.500 euro) con adeguata rateazione. Da una parte questo ci esime dall’attendere i lunghi e costosi tempi del pignoramento stesso, dall’altro permetterà all’ Amministratore Giudiziario di pagare più agevolmente i debiti del CRM verso gli studi legali.

Cordiali saluti a tutti,

Claudio Irace

(Presidente APM)

 

APM Informa n. 27 / 26 luglio 2012

Cari amici,

facciamo seguito alla Ns/ precedente comunicazione (la n° 26), inerente la tassa di smaltimento acque reflue per gli anni passati (dal 2007 al 2011) , da pagare presso al Tesoreria Comunale nella misura fissa di 57,75 euro/anno.

Confermiamo anzitutto quanto comunicato. E , per maggior completezza, vi alleghiamo una sintesi degli altri argomenti trattati nell’incontro di giugno tra APM e Sindaco di R.F.

A) Analisi acqua di Montelarco e successiva Ordinanza (n. 29/2012)

APM ha lamentato il metodo seguito dal Comune, ossia di sottoporre ad analisi di potabilità l’acquedotto, senza quanto meno chiedere al CRM i risultati di precedenti analisi (che il Centro stesso esegue periodicamente), e che per quanto riguarda l’arsenico non avevano evidenziato valori di rilevanza. Per contro il Sindaco ha ribadito di essere stato costretto a procedere in tal senso a seguito di richiesta da parte di alcuni dei partecipanti la recente pubblica Assemblea organizzata per i quattro comprensori; che i valori di arsenico rilevati dalla ASL sono in effetti superiori di poco al limite massimo, e che comunque è pronto a ritirare la citata ordinanza se ripetendo le analisi (sempre però eseguite dalla ASL) non dovessero emergere valori di rilievo.

B) Allacci in fogna

I presenti di APM hanno fatto osservare l’inerzia del Comune, che dopo l’ordinanza di novembre 2009, nulla ha fatto per perseguire le posizioni irregolari (circa 100 su un totale di 420), creando così anche un danno di natura economica al CRM, che deve ancora ricevere circa 100.000 euro come quote di allaccio non versate.

A questo proposito il Sindaco ha riconosciuto l’inadempienza del Comune, affermando altresì di aver dedicato una nuova risorsa alla integrale verifica delle pratiche. I presenti di APM hanno offerto allo scopo piena disponibilità a chiarire i casi dubbi, per tutte le posizioni anagrafiche che nel passare del tempo si siano modificate.

C) Allaccio di Valle Spadana al sistema fognario di Montelarco

I presenti di APM, riferendosi all’ accordo del 2007 tra Comune, CRM e Consorzio Valle Spadana, hanno evidenziato il mancato pagamento (da parte del Comune al CRM) delle quote di allaccio dei proprietari di Valle Spadana, secondo quanto sancito dal citato accordo. Il Sindaco ha però espresso seri dubbi sulla liceità dell’ accordo, essendo a suo dire stato siglato posteriormente alla entrata in possesso, da parte del Comune, del sistema fognario di Montelarco. Su questa posizione i presenti di APM hanno espresso pieno disaccordo, rimanendo peraltro in attesa (come promesso dal Sindaco), di un parere da parte dei consulenti legali del Comune.

D) Gestione dei rifiuti

Rispondendo alle lamentele di APM sulla inadeguatezza del servizio, il Sindaco ha annunciato importanti novità in merito.

Anzitutto, l’affidamento della raccolta rifiuti ad una nuova Ditta. E poi:

1) Ogni proprietario di Montelarco (i quattro comprensori) potrà, dietro sua richiesta, ricevere dal Comune, a titolo gratuito, un kit di plastica (già in visione presso il Comune) finalizzato al compostaggio, nel quale depositare scarti alimentari ed una modica quantità di rifiuti vegetali (solo per attenuare cattivi odori).

2) Verrà posta in essere la raccolta differenziata di plastica, carta e vetro

3) Verrà istituito un servizio a domicilio (attivabile tramite numero verde), che permetterà il ritiro gratuito di rifiuti ingombranti, e di un massimo di 15 Kg- per ogni ritiro -. di rifiuti vegetali, purché (questi ultimi) disposti in scatole di cartone a cura del richiedente.

E) Morosità del Comune nei confronti del CRM

I presenti di APM rendono nota al Sindaco la posizione debitoria del Comune, come proprietario di lotti all’interno di Montelarco, e che in assenza di un accordo con l’ A.G., quest’ultimo sarà costretto a procedere con un secondo decreto ingiuntivo.

F) Edificio Polifunzionale

Il Sindaco, allo scopo di fugare alcune perplessità dei presenti, ha confermato che sono in essere le attività di completamento della struttura.

APM Informa no. 26 - 8 giugno 2012

Cari amici,

vi riferiamo su due importanti incontri che l’ APM ha organizzato tra fine maggio e questa prima metà di giugno: con l’ Amministratore Giudiziario il 25.05, e con il Sindaco di Rignano Flaminio lunedì scorso, 4 giugno.

Con il Dr. Munno si è parlato prevalentemente di:

· Una migliore pianificazione degli interventi.

· Della prossima Assemblea (data ed ordine del giorno). Come avrete peraltro già letto nella recente comunicazione dell’ A.G., la data è il 29 settembre, e gli argomenti in discussione saranno i bilanci, una riproposizione della guardiania e migliori criteri di ripartizione delle spese.

· Dei rapporti con il Comune

· Di lavori da eseguire presso l’entrata lato Morlupo (dossi di gomma e segnaletica orizzontale)

· Della Commisione Consultiva, che l’ A.G. si è impegnato (finalmente) a convocare entro giugno.

Per maggiori dettagli su questo incontro, alleghiamo una copia integrale del verbale.

Passando invece all’incontro con il Dr. Di Lorenzi, vi comunichiamo con estrema soddisfazione che lo spinoso problema della tassa di depurazione è stato, almeno per il passato, risolto conformemente ai nostri intendimenti ed alle argomentazioni da noi fermamente ed insistentemente poste. In sintesi, dal 2005 fino al 2011 compreso si pagherà secondo la quantità forfeitaria di 150 mc (per anno e per abitazione), secondo quanto aveva deciso (tramite ordinanza) la passata Amministrazione Comunale. Già da adesso ogni proprietario si può recare presso la Tesoreria Comunale, e pagare il dovuto, nella misura di 57,75 euro / anno.

Dal 2012 in poi, il Sindaco peraltro continua a mantenere la sua posizione, ossia di imporre una tassa proporzionale a tutta l’acqua consumata, sia essa per uso potabile che per scopi irrigui. Abbiamo ovviamente espresso il nostro fermo dissenso, ed immaginiamo che una ordinanza in tal senso (che costringerà tutti i proprietari del comprensorio a rendere disponibile il contatore acqua affinché venga sigillato dal Comune per le periodiche letture, propedeutiche alla quantificazione della tassa) sarà soggetta a reiterati ricorsi al TAR.

Anche di questa riunione vi invieremo copia integrale del verbale.

Cordiali saluti a tutti,

Claudio Irace

(Presidente APM)

APM INFORMA n. 25 - Commenti del Consiglio APM al notiziario del “CCRF”

Idee poche … e molto confuse.

Il non meglio identificato “Comitato dei Cittadini di Rignano Flaminio”, (che di seguito abbrevieremo in “CCRF”) continua a sfornare e distribuire in giro per Montelarco e comprensori vicini notizie e proclami che, volendo essere clementi, stanno tra l’inverosimile e il creativo, raccogliendo qua e là pezzi di informazione per mettere insieme un quadro della situazione assai lontano dalla realtà, anche se apparentemente valido per i loro fini. Cercando di fare chiarezza, sarà bene evidenziare che nel tentativo di mistificare la realtà dei fatti hanno creato un calderone con dentro tre o quattro cose vere quand’anche ovvie, condite con altre tre o quattro di risonante nonsenso, farcendo poi il minestrone con notizie false e interpretazioni verosimili ma irreali. E’ quanto gli “emeriti sconosciuti” continuano a fare pensando così di influenzare i cittadini non smaliziati e scoraggiare chi lavora e si impegna seriamente, e gratuitamente, per migliorare le condizioni di vita nel nostro comprensorio.

Sono stati chiamati in causa sia l’ AG, ing. Munno, che un Revisore dei Conti. Entrambi (il citato Revisore è Paola Figuretti) hanno già inviato una comunicazione in merito. Nel corso di questo nostro intervento, faremo anche riferimento ad alcuni passaggi cruciali di entrambi Afferma dunque il CCRF nel suo notiziario novembre 2011 :

Che negli ultimi 6 anni si sono spesi a Montelarco un milione di euro per amministratori, avvocati e “quant’altro”. Fa molto effetto una tale affermazione, ma il messaggio che si vuole dare è fuorviante, poiché tale cifra può anche rappresentare il bilancio globale di un comprensorio con 432 proprietà (il che darebbe circa 385 euro l’anno per ciascuna famiglia, che è poi mediamente assai meno di quanto si paga in un condominio cittadino).

Abbiamo poi fondati motivi per ritenere che alcune di queste cause siano state intentate da persone appartenenti al CCRF contro l’amministrazione, e quindi contro tutti noi, normali e tranquilli cittadini che vorrebbero solo vivere in pace, senza avvocati.

Che uno dei revisori di Montelarco ha denunciato i giochini sui conti, con il “solito sistema delle tre carte” (frase decisamente amata e ricorrente nei proclami del CCRF).

Questa è un’altra affermazione ad effetto ma falsa e già confutata sia dall’ AG che dalla Sig.ra Figuretti. I bilanci del 2006, 2007 e 2008 sono stati portati in Assemblea, e regolarmente approvati. Come pure approvato il riparto dell’acqua, questo sì unico sui tre citati anni, ma solo perché non erano state effettuate misure intermedie (probabilmente a causa del disordine amministrativo di quel periodo). La Sig.ra Figuretti (che condivide ed approva questo comunicato) si è limitata a sollecitare (come già aveva fatto nell’ assemblea di maggio, antecedentemente la nomina a Revisore) una stesura di bilancio più corretta e maggiormente comprensibile - specie per meglio esporre la recuperabilità o meno dei crediti del CRM - , rispetto al passato.

Che l’amministratore Munno abbia dato per acquisito il consenso dei centri limitrofi Poggio D’Oro e Punta Verde alla re-instaurazione della guardiania.

E infatti così era dopo vari contatti tra gli amministratori, e solo con l’avvento del nuovo Consiglio di Amministrazione di Punta Verde a maggio 2011 la questione è di nuovo sospesa e in fase di verifica. Basta chiedere ai tre amministratori interessati. C’è però chi nel nuovo CdA di Punta Verde cerca di agire come eminenza grigia suggerendo comportamenti e decisioni non condivise dalla maggioranza dei proprietari; ci auguriamo che tale situazione emerga rapidamente e risulti chiarita.

Per la cronaca poi, poiché il CCRF lamenta l’alto compenso per Munno, vale la pena ricordare che le tabelle delle associazioni di categoria prevedono, per ogni unità abitativa; 100,00 euro l’anno+ i.v.a.+ 4% di oneri previdenziali. Provate a moltiplicare questo numero per 432.

Che una sentenza del TAR avrebbe stabilito che le strade di Montelarco sono di uso pubblico, pertanto con l’impossibilità di mettere una guardiania. Nulla di più falso: la sentenza citata ha semplicemento confermato la validità della Delibera comunale che fissa i criteri di acquisizione delle strade private al patrimonio comunale. Null’altro, e niente a che vedere con le strade che diventano di uso pubblico. Le strade sono del Centro Residenziale Montelarco e di proprietà dei

vari frontisti, con servitù di passaggio per gli abitanti di Poggio D’Oro e Punta Verde, che sono pertanto chiamati a contribuire alla manutenzione delle strade di accesso. E ci auguriamo in futuro anche alle spese di guardiania.

Il Sindaco sia nel corso della campagna elettorale sia nel corso del suo mandato ha sempre mantenuto la stessa linea nei confronti di Montelarco, intesa come l’insieme dei 3 Consorzi. Tale linea, tanto semplice quanto ovvia, ribadisce la non volontà di intraprendere qualsivoglia azione che porti il Comune a far proprie le strade e gli acquedotti. Tale linea è figlia di una serie di evidenze che dovrebbero essere note a tutti quali:

1. Non esistono ragioni di Pubblica Utilità che autorizzino il Comune ad espropriare le suddette proprietà;

2. Ed allora, nell’ambito di una ipotetica Convenzione, 550 proprietari (i tre comprensori) dovrebbero recarsi unanimemente , a braccetto, da un Notaio per cedere la propria quota

parte di lotto utilizzata dalla viabilità. Ciò non appare verosimile.

3. Ammesso poi che si superino le difficoltà precedentemente elencate, le finanze dei Comuni italiani, e quelle di Rignano Flaminio in particolare, sono talmente disastrate da rendere impraticabile un aumento delle spese per la manutenzione di acquedotti e la viabilità privata. Quale Sindaco farebbe aumentare le spese del proprio Comune a parità di entrate e di servizi?

4. La natura privatistica della viabilità non ha rappresentato e mai potrà rappresentare un impedimento, anche in presenza di guardiania, all’erogazione da parte del Comune dei

servizi primari (raccolta rifiuti, trasporti, etc.), servizi che il Comune deve erogare.

Chi vi racconta il contrario o ignora la realtà o è in malafede. Giudicate Voi.

Che per sistemare l’annoso problema dell’acqua e sulla potabilità, il Sindaco ha promesso che saremo tutti allacciati all’acquedotto del Peschiera. Una altisonante affermazione del CCRF, che renderebbe tutti felici e contenti . Ma, a prescindere che il Sindaco ha indicato la futura eventuale possibilità di allaccio al Peschiera come “fonte di approvvigionamento alternativa, per consumo abitativo, che pensano quelli del CCRF, che il Comune realizzerà anche il nuovo acquedotto a

Montelarco per distribuirla ? Con quali fondi ?

Incidentalmente, l’acqua comunale si paga per scaglioni: 0,55 euro/mc, per i primi 90 mc annui; poi 1,2 euro/mc per le eccedenze da 91 a 200 mc; poi 2,1 euro/mc per ulteriori eccedenze oltre i 200 mc

Badate bene, si parla di acqua potabile, che non può rigorosamente essere usata per scopi irrigui

L’ attuale costo dell’ acqua erogata in ambito CRM è 0,26 eur/mc, senza scaglioni di consumo E allora, cosa ci racconta questo CCRF ?

Chi volesse avere ulteriore conferma di quanto dice l’Associazione Pro Montelarco è invitato alla assemblea del 3 dicembre, diversamente dall’invito del CCRF di disertare la stessa, poiché oltre a poter dibattere e dare un contributo al nostro futuro, avremo anche la presenza del Sindaco che ha promesso di venire e chiarire il suo pensiero. Quale altra migliore occasione ?

Noi del Consiglio Direttivo APM invitiamo tutti a dare fiducia a chi non sparge zizzania e lavora per il bene della comunità.

Il Consiglio Direttivo dell’ Associazione Pro Montelarco

30 novembre 2011

 

 

APM INFORMA n. 24 : Strade interne e guardiania

A seguito di un volantino informativo capillarmente distribuito nel nostro Comprensorio da

parte del Comitato Cittadino di Rignano Flaminio (ottobre scorso), e di un comunicato email

emesso dal CDA Punta Verde, e riguardante un incontro di membri del CDA con il Sindaco

Fabio Di Lorenzi (3.ottobre.2011), abbiamo ricevuto molte richieste di chiarimento da parte dei

nostri Soci.

Ci sentiamo quindi in dovere di esprimere le nostre osservazioni in merito, diffondendo questo

stesso email in forma cartacea anche presso le proprietà di Punta Verde.

Il volantino cita una sentenza del TAR che, a dire del Comitato, implica: “la libera circolazione

di tutti i mezzi.. “ (nelle strade del nostro Comprensorio); e che la stessa sentenza “-....si

pronuncia chiaramente sulle strade interne della località Montelarco, definendole “private ad

uso pubblico..” e, concludendo,si afferma che “... nessun accesso alla località Montelarco potrà

mai essere chiuso con cancelli”.

Il CDA Punta Verde cita poi una opinione del Sindaco , il quale ”... ritiene che si tratti di

strade private ad uso pubblico...”. Lo stesso Sindaco , sempre a dire del CDA, “ ha precisato

che se verrà ripristinato il servizio di guardiania e rimesse le sbarre e i cancelli all’ingresso di

Montelarco, le strade saranno considerate private e nessun servizio comunale potrà essere

erogato all’interno del comprensorio

Abbiamo attentamente valutato la sentenza del TAR, congiuntamente allo Studio Legale

Frugoni che difende il CRM dalla impugnazione dell’ Assemblea 2010. Ebbene, smentiamo in

modo categorico questa interpretazione del Comitato. Il TAR è stato chiamato a dirimere una

controversia tra soggetti privati del CRM da una parte, ed il Comune dall’ altra. I primi

chiedevano l’annullamento della Delibera Comunale (la 219/2006), che fissa i criteri di

acquisizione di strade private al patrimonio Comunale (e le strade di Montelarcoincidentalmente

- non rispondono a questi criteri). Il Comune non ha poi ottemperato alla

richiesta di istruttoria da parte del TAR per ben due volte. In conclusione lo stesso TAR,

basandosi esclusivamente sulle motivazioni dei privati ricorrenti, e senza acquisire ulteriori

elementi di evidenza, ha semplicemente respinto il ricorso, mantenedo la validità del Delibera.

Nulla di più.

Quanto poi al Comune, è del 28 gennaio 2002 una sua chiara posizione in merito : (“..dette

strade fin dalla data di costruzione sono di natura privata gravate di servitù a favore dei

lottizzanti e mantenute dagli stessi “)

E’ cambiato qualcosa nel frattempo? Assolutamente no. E’ del dicembre 2010 una analoga

posizione, –sempre del Comune - : “... le strade di località Montelarco sono di natura

privata ..”; ed ancora : “..per realizzarne l’ acquisizione, il Comune dovrebbe assumere

l’iniziativa di procedere mediante esproprio, al fine di destinare le strade al pubblico

transito..”

2

Soffermiamoci sul senso di questa ultima frase: si può avere pubblico transito solo se il

Comune espropria queste strade. Ebbene, anche APM, come comunicato, ha avuto un franco

colloquio con il Sindaco; da questo colloquio è chiaramente emerso che non esiste alcuna

volontà di esproprio da parte del Comune, e che se anche per assurdo esistesse, mancherebbero

comunque le risorse economiche per procedere in tal senso.

Purtroppo, le difficoltà di ripristino della guardiania non sono certo queste amenità di natura

burocratico – cavillosa. L’ultima Assemblea del Centro (maggio 2011) ne ha deliberato il

ripristino, ma solo a condizione di una compartecipazione da parte del Comprensorio Punta

Verde.

Ebbene, non è tuttora emersa una chiara volontà da parte dei nostri vicini a partecipare alle

spese, e non crediamo proprio che ciò sia causato dalla paura di una interruzione dei servizi

comunali (affermazione peraltro astrusa, inattuabile e improponibile)

Questo notiziario vuole essere anche un appello ai nostri amici di Punta Verde:

richiediamo quanto meno che quelli favorevoli alla guardiania si contino tra di loro, ed

emerga un documento comune da utilizzare nei successivi dibattiti che animeranno questo

tormentato, ma ancora gradevole, angolo di territorio.

Montelarco, 8 novembre 2011

Claudio Irace

Presidente Associazione Pro Montelarco





APM Informa N. 23

Cari amici,
lo scorso 3 ottobre ha avuto luogo il primo incontro formale tra APM ed il Sindaco di Rignano Flaminio. Per l' Associazione erano presenti C. Irace, S. Ciaccio, G. Di Francesco, D. Joris, Stefano Grego.
In premessa il Sindaco ha inteso ribadire quella che è stata la sua posizione nei confronti del Centro Residenziale Montelarco nel periodo precedente l'inizio del suo mandato, ossia: che il Centro è una realtà privata, con sue infrastrutture (in particolare strade ed acquedotto), con una sua Amministrazione, che ha pieno titolo alla gestione e mantenimento delle citate infrastrutture. Per contro, il Comune interagisce con questa realtà, fornendo i servizi tipici della Pubblica Amministrazione locale, nella fattispecie nettezza urbana, trasporto scolastico, gestione dell' impianto fognario. Per quanto riguarda il servizio della nettezza urbana, il Sindaco poi coglie l'occasione per confermare che il Centro sarà, a partire dal 2012, il comprensorio pilota per una prima sperimentazione dei cassonetti informatizzati, utilizzabili solo tramite schede elettroniche che verranno consegnate ai singoli proprietari.
I presenti di APM esprimono anzitutto pieno apprezzamento per quanto detto, ed iniziano poi ad enunciare i temi considerati prioritari, lamentando anzitutto alcune carenze tuttora rilevabili nel servizio di raccolta rifiuti, in particolare la mancata raccolta del sabato
Poi, il completamento dell' edificio polifunzionale. Su questo tema il Sindaco garantisce che ha già posto in essere quanto necessario per la prosecuzione dei lavori.
Il Presidente Irace passa poi ad evidenziare due punti di fondamentale importanza: la verifica degli allacci in fogna, ed i pagamenti da parte dei proprietari di Valle Spadana. Per quanto riguarda il primo aspetto, i presenti prendono atto che il Comune, a seguito di una intensa collaborazione tra CRM, APM e Amministrazione Comunale, è attualmente in possesso della situazione di ogni singolo proprietario nei confronti degli obblighi di allaccio: ossia, se ha fatto la domanda di allaccio, se ha pagato il dovuto verso i CRM. A questo proposito il Sindaco si impegna, entro il 2011, a verificare la posizione di ognuno, ed ad emettere le relative sanzioni in caso di inadempienza.
La riunione si è chiusa con l'impegno reciproco ad una piena collaborazione, laddove necessario, da entrambre le parti.
Claudio Irace
(Presidente APM)


APM Informa N. 22

Cari Amici,

L'ASSOCIAZIONE PROMONTELARCO, aderendo ad una precisa richiesta rivolta in tal senso dall'Amministrazione Comunale di Rignano alle Associazioni operanti sul territorio, si è offerta per l'organizzazione di tre manifestazioni che sono state inserite quale parte integrante del programma "ESTATE RIGNANESE". Dopo il successo delle prime due (Concerto di musiche del 600 e del 700; Rassegna di cortometraggi ecologici), ci accingiamo a chiudere il ciclo con una serata di puro divertimento aperta ovviamente a quanti: soci; non soci APM; abitanti di Rignano vorranno parteciparvi.
Ci intratterrà con musiche e monologhi "stuzzicanti" MASSIMO POLITELLI che già abbiamo avuto modo di conoscere due
anni or sono e che, reduce da recenti successi in terra di Germania, incontreremo ancora con un repertorio rinnovato. Crediamo che una risposta in termini di una presenza numerosa ed entusiasta, sia da parte nostra la degna conclusione di una esperienza nuova e per certi versi esaltante, che ha offerto alla nostra giovane Associazione una occasione di visibilità sul territorio comunale quale mai avevamo avuto.

Per tali motivi rivolgo a tutti Voi l'invito ad intervenire in forze! E' previsto un biglietto di ingresso dal costo di
5,00 euro con diritto ad una bibita, per coprire in parte le spese organizzative che sono a totale carico APM. Ci sarà poi un'estrazione finale con sorteggio di alcuni simpatici premi fra tutti gli intervenuti.

La manifestazione avrà luogo venerdì 16 settembre p.v. alle ore 21,30 presso i locali del CENTRO SPORTIVO MONTELARCO.

Per tutte le informazioni del caso potrete contattare Valerie(3483314629) o Alba(3383985619).In attesa di incontrarVi Vi invio i miei più cordiali saluti.

CLAUDIO IRACE.
(Presidente APM)
 
 
APM Informa N. 21

Cari amici,

in questo notiziario una sintesi dell' ultimo incontro che la Direzione di APM ha avuto, ai primi di luglio, con l' Amministratore Giudiziario, Ing. Munno.

1) E' stata fatta una disamina dei lavori che l' AG si era impegnato ad eseguire entro Settembre, ossia : l'intonacatura e sistemazione infissi del Serbatio acqua di V. del Centauro; il rifacimento di tetto, grondaie e discendenti della Casetta Sociale. Per entrambi l' AG ha confermato l'impegno, sempre subordinatamente alle disponibilità di cassa.

2) Sono state espresse lamentele sul recente taglio cunette, apparentemente non eseguito su Via dell' Aquila, ed è comunque emersa la necessità di un secondo taglio. Anche su questo aspetto l' AG si è impegnato a provvedere.

3) Situazione disastrosa dell' uscita lato Rignano: per quanto riguarda il cancello, l' AG vorrebbe ripartire la spesa con Punta Verde e Poggio D'Oro, nel quadro delle trattative congiunte per il ripristino della guardiania. Per quanto riguarda l'asfaltatura dopo il cancello, l' AG ribadisce che la strada non è di proprietà del Comprensorio, ed eventualmente tenterà una presa di contatto con la Soc. proprietaria ELVI srl.

4) Dossi artificiali: dato l'evidente effetto di rallentamento che i dossi istallati (con spesa presumibilmente non elevata) dal Comune di Morlupo su Via Coste di Fontana Conte, i presenti propongono analoga istallazione sulle due percorrenze principali interne. Sarà comubque un tema da dibattere nelle successive assemblee.

5) Azioni legali. Dietro richiesta di APM, l' AG fornisce i numeri. Sulle morosità del 2005, sono stati inviati 140 solleciti formali, cui hanno fatto seguito 40 decreti ingiuntivi. Di questi, dieci hanno fatto opposizione, con udienza prevista tra ottobre - novembre 2011. Cinque morosi non si sono opposti e non hanno saldato il debito: per loro sono state avviate le procedure di iscrizione ipotecaria dell' immobile. Entro l'anno saranno inviati i solleciti formali alle morosità degli anni 2006 -2008.

6) L' APM esprime profonda insoddisfazione per il mancato distacco dell' acqua alle morosità storiche. La questione rimane aperta, l' AG dovrà riferire, nell' immediato, su una sua decisione in merito.

7) Ripristino della guardiania. Dovranno iniziare trattative a breve con Poggio D'Oro ed il nuovo Cda di Punta Verde. L' attuale previsione (ed intento) per il ripristino è gennaio 2012.

8) l' APM insiste con l' AG affinché rivolga pressanti richieste al Comune:

- Per il controllo a tappeto delle pratiche di allaccio in fogna, anche nell' ottica di fa recuperare al CRM circa 120.000 euro ancora dovuti come quote non pagate.

- Per la verifica dei pagamenti di Valle Spadana al CRM.

- Per una collocazione più consona dei cassonetti differenziata sull' uscita lato Rignano

- Per la disinfestazione

Claudio Irace

(Presidente APM)


APM Informa N. 20

Cari amici,

alcune brevi (ma importanti) notizie da parte dell’ Amministratore Giudiziario Ing. Munno:

· Come già comunicato dall’ AG nella sua del 24.10 (da noi inoltrata ai Soci APM), è stata eseguita la pulizia del terreno su cui insiste la casetta sociale.

· Ai primi di novembre sono stati ricollocati due cartelli stradali (V. Orsa Maggiore e V. dalla Bilancia).

· Da ieri (15 c.m.) è iniziata la pulizia delle cunette su tutto il Comprensorio, prima della messa a riposo invernale.

· L’ AG, in previsione della prossima Assemblea CRM (da tenersi presumibilmente tra Dicembre 2010 e Gennaio 2011), ha avuto un incontro con gli amministratori di Punta Verde e Poggio D’Oro, in merito al ripristino della guardiania. Da questo incontro è emerso uno specifico impegno, da parte loro, di proporre il servizio alla approvazione delle singole assemblee, che ci risulta dovranno anch’esse essere indette entro gli inizi del 2011. E’ comunque intenzione dell’ AG di porre questo tema tra gli ordini del giorno della prossima assemblea del CRM

· Azioni legali: con riferimento ai decreti ingiuntivi emessi sulle morosità 2004 (finalizzati a scongiurare la decorrenza dei termini), 7 proprietari hanno regolarizzato (o chiarito) la loro posizione; altri 7 si sono opposti, e per questi sarà necessario proseguire in ambito processuale. Per quanto riguarda i rimanenti 16, verrà richiesto il pignoramento mobiliare, a cura degli ufficiali giudiziari e forze dell'ordine

Nel breve termine (come già scritto dall’ A.G.) verranno avviati i primi lavori interni alla casetta sociale, verranno sostituiti altri novanta metri di tubazione portante (oltre ai primi 20 già fatti), e verrà rimesso in sicurezza il serbatoio di Via del Centauro.

Sempre poi nell’ ambito della successiva Assemblea, l’ AG proporrà l’ istituzione di una Commissione Consultiva, costituita da proprietari del Centro, e che sia di supporto alla gestione amministrativa.

Codiali saluti a tutti,

Claudio Irace

(Presidente APM)

APM INFORMA N. 19

30 agosto 2010
Cari amici, come già preannunciato, vi informo che questo passato mercoledì ho presentato, presso la locale Stazione dei Carabinieri, denuncia contro ignoti per l'incendio dei cassonetti presso la casetta sociale, e per i danni riscontrati sul cartello di Proprietà Privata (ingresso Morlupo), recentemente istallato dall' A.G. Alla denuncia sono state allegate le foto, ante e post, del cartello danneggiato.
Chiedo ad ognuno di voi di segnalare tempestivamente qualsivoglia evento lesivo delle infrastrutture di proprietà del CRM.
Cordiali saluti.
Claudio Irace
(Presidente APM)
APM INFORMA N. 18

Sabato 29 maggio e` stata sicuramente una giornata importante e densa di significati per il futuro di Montelarco.
Cominciamo dal numero dei presenti all’Assemblea: di persona o per delega si e` registrato il 70% dei millesimi. Una partecipazione che non ha precedenti nella storia del ns. Centro residenziale e la cui ragione va ricercata nella volontà di tutti i benpensanti di ritornare ad essere protagonisti di tutte le implicazioni – giuridiche ed economiche – connesse alla scelta abitativa a suo tempo fatta da ciascuno di noi.

Presto faremo uscire un numero speciale del nostro giornale InformAzione. Qui di seguito ci limitiamo a fornire un resoconto sommario dell’andamento dei lavori.

In apertura l’Amministratore Giudiziario ha provveduto, come da Regolamento (Art. 8 u.c.), a nominare il presidente dell’Assemblea nella persona dell’Avv. C. Frugoni, ed il segretario nella persona della Sig. Paola Figuretti.

Dopo la relazione dell’Amministratore si e` passati al dibattito ed alle successive votazioni che hanno dato il seguente esito:

-          Modifica Art, 7 del Regolamento:  
abbreviazione dei termini per la convocazione delle Assemblee e introduzione dell’obbligo per chi vende di comunicare gli estremi del proprietario subentrante che rimane obbligato in solido per le quote degli anni precedenti.
Modifica approvata con il 70.8% dei presenti.
 
-          L’Amministratore Giudiziario Ing. Maurizio Munno ha ottenuto il gradimento del 69% dei presenti;
 
-          Approvazione del Bilancio Consuntivo, Gestione Acquedotto e piano di riparto del  2005:
Approvato con il 74% dei millesimi presenti.
 
-          Approvazione della Relazione di accompagno e del Preventivo di spesa, gestione acquedotto con relativo piano di riparto dell’anno 2009:
Approvato con il 68% dei millesimi presenti.
 
-          Approvazione del Bilancio preventivo, gestione acquedotto e relativo piano di riparto per l’anno 2010:
Approvato con il 68% dei millesimi presenti.
 
Tenuto conto che l’APM con i propri iscritti totalizza circa il 40% delle quote di proprietà, i risultati stanno a testimoniare che al di la del vincolo associativo (che pure rimane importante), l’Associazione e` riuscita a coagulare un consenso tanto significativo  perché  ha saputo farsi reale interprete delle piu` sentite esigenze dei residenti di Montelarco.
 
A nulla e` servita l’opposizione sterile e speciosa di coloro che hanno cercato di giustificare il loro rancore contro i reali interessi della comunità` appellandosi a cavilli di ogni genere e nei fatti perdendo una storica occasione: quella di ricomporre ogni dissidio in nome del bene comune.
 
L’Assemblea a questo proposito ha dato all’Amministratore un mandato preciso: quello di essere tempestivo e inflessibile nel recupero delle quote da chiunque dovute, non essendo possibile tollerare una situazione che vede protrarsi nel tempo il malcostume di alcuni che beneficiano dei servizi pagati dalla collettività in maniera assolutamente impropria.
 
L’Assemblea,  iniziata alle 09.00 del mattino e protrattasi  fino alle 16.00, ha anche approvato per acclamazione la seguente mozione:
 
Per venire incontro ad esigenze da piu` parti manifestate si chiede che l’Assemblea deliberi l’istituzione di una commissione di studio per verificare la congruità degli attuali criteri di riparto delle spese comuni e ove necessario approntare una proposta di modifica da sottoporre all’esame dell’Assemblea per le determinazioni del caso.
 
Per la Commissione si indicano i Sig.ri D’Ottavi, Saponaro, Castellani, Guidi, Oggiano, Petralia, Tombari e Mancia.
 
Cordiali saluti a tutti,
l
 
Cari amici,
nelle nostre recenti riunioni di Consiglio, è emersa la necessità di mantenervi informati, con la massima frequenza possibile, su tutte le iniziative ed azioni promosse da APM. Quanto segue è il primo di questi notiziari, cui abbiamo - appunto - dato il nome di "APM INFORMA":

APM INFORMA N. 17 
Oggetto: Assemblea Amministrazione Comunale - Comprensorio Montelarco di Sabato 27 febbraio 2010 alle ore 16.30 presso il Teatro Comunale di Rignano Flaminio.
Si e` svolta regolarmente, alla presenza di numerosi abitanti del comprensorio Montelarco, l’assemblea promossa dall’Amministrazione Comunale per illustrare il piano di intervento sulle strade di Montelarco.
Per l’Amministrazione Comunale erano presenti il Sindaco Sig. Coletta, il vice sindaco Ing. Conte, gli Assessori Zito e Costa. 
Per il Centro Residenziale Montelarco era presente l’Amministratore Giudiziario Ing. Maurizio Munno.
In sostanza il Comune ha venduto due dei tre lotti concessigli a suo tempo dal Consorzio; dalla vendita alla Società San Marco degli stessi ha ottenuto in cambio i lavori di rifacimento del manto stradale per una superficie di circa 3,8 Km sui 10 totali del Comprensorio, per un importo di circa € 280.000.
Dalla vendita del terzo lotto sito in località Punta Verde (che si ipotizza verrà attuata nella tarda primavera) l’Amministrazione conta di ricavare circa € 200.000 che potrebbero consentire un intervento sulle altre strade fino a coprire circa il 60% del chilometraggio del Comprensorio. 
Il restante 40% resta pertanto a carico dei comproprietari.
I lavori dovrebbero iniziare entro il 15 Marzo p.v. e le prime strade ad essere state individuate dal Comune sono: 
- Via delle Costellazioni (dal cancello lato Morlupo)
- Via del Centauro
- Via Orsa Maggiore (fino alla rotonda)
- Via Orsa Minore
- Via del Sagittario.

Queste strade sono state scelte dal Comune in base alla maggiore frequenza di passaggio dei mezzi adibiti al trasporto pubblico.
Ci siamo attivati presso l’A.G. del CRM per chiedere che venga prevista da subito una forma di controllo sull’esecuzione dei lavori onde evitare che si abbiano a verificare i pesanti danni collaterali che dovemmo sopportare allorquando fu realizzato l’impianto fognario e le cui conseguenze sono ancora sotto gli occhi di tutti.
Con successive comunicazioni vi terremo informati sugli ulteriori sviluppi. 
Claudio Irace
(Presidente APM)


APM Informa N. 15

L’Associazione ProMontelarco indice un concorso a premi per i due migliori PRESEPI realizzati all’interno delle abitazioni di Montelarco. 
Il concorso e’ aperto a tutti i residenti che ne facciano domanda telefonando da oggi al 30 dicembre p.v. ad uno dei seguenti numeri:
Sig.ra Anna Rossilli Rambaldi Tel. 333 3166 831, 0761 521 068
La partecipazione e’ gratuita. Un’apposita commissione visitera’ e fotografera’ i presepi partecipanti nel periodo dal 2 al 7 gennaio 2010.
La premiazione avra’ luogo Sabato 16 gennaio 2010 in occasione della Assemblea Soci APM che verra’ convocata a breve.
I Presepi prescelti verranno premiati con due produzioni artistiche di pregevole fattura.
L’Associazione Pro Montelarco
Il Presidente


APM Informa n. 14 
Lo scorso sabato 20 nov. ha avuto luogo un incontro tra rappresentanti dell' APM e l' Amministratore giudiziario Ing. Munno. Nel corso della riunione l' Ing. Munno ha confermato la decisione del Tribunale di Tivoli circa le modalità di convocazione della prossima assemblea del CRM, ossia, tramite pubblici proclami per i soli proprietari di cui sono ignote le generalità, per le vie ordinarie per tutti gli altri. Una volta stabilita la data definitiva dell' Assemblea, l' APM organizzerà una riunione plenaria dei soci una settimana prima, allo scopo di condividere i contenuti di quanto posto all'ordine del giorno, e di organizzare la raccolta delle deleghe. 
Sempre nel corso della riunione sono stati posti in evidenza gli aspetti su cui l' Ing. Munno dovrà particolarmente insistere presso il Comune di Rignano Flaminio, e che implicano un recupero di somme per il CRM, in particolare: le procedure di sanzionamento che il Comune sta ponendo in atto verso quei proprietari non in regola con l'allaccio in fogna; i pagamenti dovuti da parte dei proprietari del comprensorio Valle Spadana; la congruità delle quote di allaccio a suo tempo richieste alla fungaia.
E' stato inoltre richiesto all' AG di continuare a porre in evidenza la palesi carenze del servizio di nettezza urbana.
Sono state infine discusse alcune azioni legali in corso, in particolare quelle inerenti i "dissidenti storici", che la recente sentenza di appello vinta dal CRM ha condannato al pagamento di circa 9000 euro.
E' poi di mercoledì 25 la notizia, sempre pervenutaci dall' Ing. Munno, che è stato eseguito un ulteriore distacco acqua, in Via dell' Orsa Maggiore, nei riguardi di un proprietario moroso dal 2004 per quote acqua non pagate. Nell' ambito poi delle azioni di recupero delle somme dovute, l' AG ci informa di aver inviato comunicazioni formali a circa 70 proprietari morosi dal 2004.
Sempre a proposito del servizio di nettezza urbana abbiamo constatato con sollievo la rimozione dei cumuli di rifiuti che si erano accumulati su via delle Costellazioni: un caldo ringraziamento al socio Pacini, che si è prodigato al massimo per ottenere questo risultato.
Claudio Irace
(Presidente APM) 


APM Informa n. 13
10 Novembre 2008 - 10 Novembre 2009 
L’ASSOCIAZIONE PRO MONTELARCO COMPIE UN ANNO DI VITA
Ventuno inguaribili ottimisti esattamente un anno fa, davanti ad un Notaio in Roma, davano corpo ad un progetto troppo a lungo rimandato e, per certi versi, apparentemente impossibile. Creare un soggetto che aggregasse tutte le persone di buona volontà contro il degrado, l’incuria e l’abbandono in cui versava Montelarco e al tempo stesso impegnarsi per la rinascita del territorio divenendo interlocutore privilegiato delle amministrazioni pubbliche che interagiscono con il Centro Residenziale Montelarco, nonché con gli organi di gestione del Centro stesso. Inoltre, come necessario corollario, dare vita a tutta una serie di iniziative che ravvivassero nei singoli la voglia di sentirsi parte attiva e responsabile di una comunità con il desiderio di conoscersi, frequentarsi, trovare punti di incontro e di condivisione.
A distanza di un anno, i 21 soci iniziali sono divenuti 160, e sono destinati a crescere ancora perché, a dispetto delle contraddizioni e delle incomprensioni più o meno volute, gli appelli agli uomini di buona volontà non sono mai rimasti inascoltati o senza seguito.
AUGURI A TUTTI NOI!
BUON COMPLEANNO PROMONTELARCO!

SI ALLUNGA LA SCHIERA DEGLI ESERCIZI CONVENZIONATI CON L’ASSOCIAZIONE PRO MONTELARCO
Oltre a quelli a suo tempo comunicati, segnaliamo che abbiamo raggiunto una intesa con gli esercizi di seguito indicati che, dietro presentazione della tessera di socio APM, praticheranno i seguenti sconti.
Gioielleria Cantoni
Gioielleria, Orologeria, Argenteria e Articoli da regalo.
Via San Pellegrino 2/b Morlupo, Tel. 06 907 1054
Sconto del 10% su Gioielleria, Orologeria e Bigiotteria;
Sconto del 15% su Argenteria, Cornici e cristalleria;
Sconto del 5% su tutti gli articoli di cui la Gioielleria Cantoni non e` concessionaria (Rolex, Mont Blanc, etc.).
Mobili Memmo s.r.l.
Vendita Mobili ed oggetti di arredamento.
Via Campagnanese km 0.100, Morlupo, tel.: 06-9071094
Via Flaminia Km 38.700, Rignano Flaminio, Tel. 0761 509 162
Sconto di un ulteriore 5% sui prezzi applicati che normalmente sono scontati del 10%.
Antonio Pisola Gomme
Gommista.
Via Domenico Benedetti 66, Morlupo, Tel. 06 907 0934
Sconto tra il 7% e il 10% (secondo la marca dei pneumatici) applicabile sul prezzo previsto dalle case e gia` scontato tra il 30% e il 50%.

Cordiali saluti a tutti,

Assocuiazione Pro Montelarco


APM Informa N. 12
Cari amici,
alcuni giorni fa ha avuto luogo la prima riunione formale tra APM e l' Amministratore Giudiziario, Ing. Munno.
Sono stati affrontati i seguenti argomenti:
1) Struttura di supporto dell’ Amministratore Giudiziario. I presenti hanno convenuto sulla necessità di una risorsa che sia di ausilio all' Amministratore durante i suoi giorni di presenza presso la casetta sociale. E' stata altresì condivisa, causa la difficoltà economica del momento, la necessità di sospendere la citata acquisizione, fintanto che non abbia luogo l'approvazione dei relativi costi da parte dell' Assemblea prevista per gennaio 2010.
2) Recupero crediti azioni legali ancora in pendenza. L'amministratore avrà, la prossima settimana, un incontro con lo studio legale Serafini - Giommini, allo scopo di procedere nelle citate azioni di recupero. Per quanto riguarda il recupero dei crediti inerenti la sentenza di appello Casavola, l' Ing. Munno inizierà il pagamento delle somme dovute allo studio Ovoli, affinché quest'ultimo sia messo in grado di procedere.
3) Calendario di incontri APM - AG. Viene stabilita una frequenza almeno mensile per questo tipo di riunioni.
4) Orario di apertura al pubblico. I presenti di APM insistono sulla necessità della presenza dell' Ing. Munno anche il sabato mattina. L' Amministratore tenterà, per quanto possibile, di onorare questo impegno.
5) Recupero crediti dai proprietari morosi. L'Amministratore comunica che stanno iniziando le procedure per il recupero di circa 150.000 euro risalenti al bilancio consuntivo 2004, da parte di 26 proprietari morosi. Inoltre, cinque proprietari storicamente morosi sui consumi d’ acqua hanno ricevuto il sollecito al pagamento: in mancanza di adeguata risposta, l’ Amministratore Giudiziario procederà - come da regolamento - al taglio della fornitura.
Claudio Irace
(Presidente APM) 


APM Informa N. 11
Problemi Impianto Idrico
Cari amici, l’Amministratore Ing. Munno ci informa che i lavori di ripristino della pompa sommersa di Via del Leone sono stati ultimati e che il normale flusso idrico del Centro e` tornato alla normalita` Si e` trattato del mancato funzionamento di una pompa sommersa che lavora ad una profondita` di oltre 60 metri e che per essere ispezionata e sostituita deve essere estratta sollevando sessanta metri di tubi in ferro da 3 pollici. La pompa e` stata sostituita con una nuova e la vecchia e stata mandata in revisione.
Augurando una Buona Domenica a tutti, inviamo i nostri migliori saluti,
Associazione Pro Montelarco


APM Informa N. 10
PRIME INIZIATIVE AUTUNNO INVERNO 2009-2010
Come già comunicato agli intervenuti nel corso dello spettacolo di sabato 19 settembre u.s. si dà notizia che l'Associazione Pro Montelarco in collaborazione con Era Polis ha programmato
Domenica 4 ottobre alle ore18
presso l'Aula Magna dei Padri Rogazionisti
Via Flaminia 65 – Morlupo
un concerto
dei maestri Pietro Bisignani (chitarra solista)
e Vincenzo Cirilli (voce e chitarra acustica).
Verranno eseguiti, fra gli altri,
brani di Paul Simon,The Beatles, Bob Marley, Sting.

INGRESSO GRATUITO:
I relativi biglietti si potranno ritirare il mercoledì pomeriggio ed il sabato mattina presso la Casetta Sociale.
Vi informiamo altresì che, sempre in collaborazione con Era Polis, si
sta programmando per il prossimo 19 dicembre un CONCERTO DI NATALE.
I dettagli dell'iniziativa vi saranno forniti per tempo con successiva
comunicazione.

Cordialmente.
Associazione Pro Montelarco



APM INFORMA N. 9
BOLLETTE ENEL

Il pagamento delle bollette ENEL da parte del Comune con i fondi raccolti a seguito delle ordinanze sindacali (risultano non paganti all'incirca una ottantina di condomini) si è arrestato alle fatture del mese di aprile 2009. Pagamento effettuato nel mese di giugno. Tale pagamento non sarebbe bastato ad arrestare la procedura di distacco dell'alimentazione elettrica dei pozzi del nostro acquedotto - procedura peraltro già avviata dall'ENEL - se l'Amministratore non fosse intervenuto ad onorare il nostro debito con i primi anticipi incassati (consumi dei mesi di maggio, giugno e luglio ). 
RIPETUTI GUASTI SULL'IMPIANTO
L'ultimo problema in ordine di tempo si è determinato per il cattivo funzionamento di un interruttore termico di una delle pompe del pozzo di via del Leone. Dati gli anni di incuria e di assenza totale di una politica di manuntenzione al momento non disponiamo di una pompa di riserva da sostituire a quella non funzionante da inviare poi a revisione. Si è pertanto optato per la sostituzione dell'interruttore reperito da un fornitore di Civita Castellana. L'Amministratore ci ha informato che sta - per suoi canali - operando per cercare di ottenere a titolo gratuito una pompa in prestito in attesa della revisione di quella non funzionante. Vero è che abbiamo in continuazione interruzioni del servizio per lo stress che l'aumento dei consumi in questo periodo provoca su un impianto che , già di suo , è allo stremo. Dobbiamo armarci di santa pazienza e di molta buona volontà per sostenere gli immani sforzi che l'Amministratore ha incominciato a intraprendere per riportare ad una situazione di normalità un ambiente nel quale la prevaricazione di pochi ha finora paralizzato i buoni propositi della maggioranza. L'Amministratore ha garantito una continua vigilanza sugli aspetti tecnici dell'acquedotto ed in attesa delle deliberazioni che l'ASSEMBLEA DEL CENTRO RESIDENZIALE MONTELARCO riterrà di dovere adottare in relazione
a questo specifico problema si è dichiarato a disposizione di tutti al seguente indirizzo e-mail: amministrazionecrm@libero.it
CONVENZIONI PER I SOCI APM
INFORMIAMO I SOCI CHE STIAMO CONCLUDENDO UNA SERIE DI CONVENZIONI CHE RENDEREMO NOTE A BREVE CON UNA SERIE DI ESERCIZI COMMERCIALI CHE - DIETRO PRESENTAZIONE DELLA TESSERA ASSOCIATIVA - PRATICHERANNO AI SOCI INTERESSANTI SCONTI.

SERATA CABARET PER L'ADDIO ALL'ESTATE

SABATO 19 SETTEMBRE 2009 - ORE 20,30 - PRESSO I LOCALI DELLA PISCINA CON RINFRESCO
RICORDIAMO CHE IN SETTIMANA SARANNO DISPONIBILI I BIGLIETTI PER LA MANIFESTAZIONE DI CUI SOPRA.
IL COSTO DEL BIGLIETTO ( 8,00 € A PERSONA) SERVIRA' A COPRIRE IL CACHET DELL'ARTISTA E IL COSTO DEL RINFRESCO. RICORDIAMO CHE I POSTI DISPONIBILI SONO SOLO 80 (ottanta) ED E' PERTANTO CONSIGLIABILE LA PRENOTAZIONE PRESSO UNO DEI COMPONENTI IL CONSGLIO DIRETTIVO DELL'APM
.


APM Informa n. 8 
Come noto a tutti Voi, nelle scorse settimane si sono verificate numerose interruzioni nell'approvvigionamento dell'acqua potabile dai pozzi del Centro Residenziale Montelarco. L'APM si è fatta carico del problema su sollecitazione di numerosi soci e su eplicita richiesta dell'Amministratore Giudiziario del CRM ing. Maurizio Munno. A cura della ditta Cola è stata ripristinata la funzionalità del pozzo antistante la Casetta Sociale, fermo dall'inverno scorso a causa di un fulmine. Inoltre si è individuata una grossa perdita dell'Acquedotto in un tratto di via del Sagittario, di entità tale da impedire il riempimento del serbatoio di via del Centauro.
La riparazione ha richiesto tempi tecnici non brevi, come non breve è stata l'attesa perchè a seguito della conclusione dei lavori si riempisse completamente il serbatoio che contiene 600.000 litri.
Nel frattempo l'Amministratore Giudiziario aveva provveduto a fare intervenire un rifornimento d'urgenza dei pozzi tramite autobotte per cercare di alleviare - sia pure in minima parte – il disagio della popolazione residente. 
Ad oggi possiamo dire che la situazione, compatibilmente con lo stato precario in cui versa il nostro acquedotto e con l'aumento dei consumi dovuto alla stagionalità, sia avviata verso una soddisfacente normalità. Siamo tutti invitati comunque a vigilare e a segnalare prontamente eventuali anomalie. 

Giova ricordare che di questi interventi si è fatto carico il Centro Residenziale Montelarco pur nella momentanea carenza di adeguata liquidità, e che l'Amministratore Giudiziario ha chiesto che si procedesse ad una turnazione per vie per l'irrigazione dei giardini.
Associazione Pro Montelarco


APM Iinforma n. 7 
Da mercoledì 29 luglio p.v. dalle ore 16,30 alle 18,30 e per tutti i mercoledì a seguire il nuovo Amministratore Giudiziario Ing. Maurizio Munno è a disposizione, nei locali della "Casetta sociale", di tutti i comproprietari che vorranno sottoporgli domande e problemi. Il giorno 8 luglio u.s. l'Ing.Munno si è incontrato con alcuni comproprietari del C.R.M. per essere informato sullo stato dell'arte delle questioni più urgenti. Ha preso altresì contatto con l'idraulico Cola per verificarne la disponibilità ad intervenire sulle più significative perdite del ns. ormai fatiscente acquedotto, dopo che lo stesso Cola si era dichiarato non più interessato a seguito della interruzione dei pagamenti a lui assicurati dal Sindaco.A giorni l'Ing.Mummo invierà a tutti i comproprietari del CRM una lettera di presentazione con la richiesta di versare un anticipo sulle quote che verranno deliberate dalla prossima assemblea. Ha altresì programmato un incontro generale con tutti i comproprietari che vorranno aderire per la prima metà del mese di ottobre p.v. in attesa di espletare tutte le formalità che consentiranno di addivenire, quanto prima, alla valida convocazione di un'assemblea del CRM: E' in programma entro il mese corrente un incontro fra il Sindaco del Comune di Rignano Flaminio e lo stesso Ing.Munno.
Appena disponibili vi forniremo ulteriori notizie.
Cordiali Saluti a tutti,
Associazione Pro MOntelarco
APM Informa N. 6 
In data 15 giugno u.s. è stata pubblicata la sentenza n.2533/09 resa dalla Corte di Appello di Roma in merito al ricorso presentato da molti di noi avverso la tristemente nota sentenza n.12747/04 cosiddetta CASAVOLA.
Il dispositivo della sentenza recita:
" …LA CORTE ACCOGLIE L'APPELLO E CONDANNA GLI APPELLATI AL PAGAMENTO DI € 4.330,00 PER IL GIUDIZIO DI PRIMO GRADO E DI € 4.570,00 PER QUELLO DI APPELLO…."

Quanto sopra significa non solo che la legittimità, la legittimazione, validità ed esistenza del CENTRO RESIDENZIALE MONTELARCO è stata ribadita e confermata ancora una volta ed una volta di più, ma anche e soprattutto che le delibere assembleari del 16/12/95, del 14/12/96 e – IMPORTANTE - del 14/06/97 e con essa il relativo regolamento del Centro, sono oggi del tutto valide ed efficaci.Dopo le motivazioni addotte dal G.O.T.di Tivoli a sostegno della nomina del nuovo Amministratore Giudiziario, questa della Corte di Appello costituisce un ulteriore importante tassello per l'avvio della definitiva rinascita del C.R.M. contro i beceri tentativi di chi finora ha fatto di tutto per distruggerne il tessuto sociale ed economico.
L'ASSOCIAZIONE PROMONTELARCO si batterà con determinazione in ogni sede perchè possa trovare completa attuazione il disegno di riqualificazione del territorio e del nostro insediamento urbano così come previsto dal nostro Statuto.
Cordialissimi saluti a tutti,
Associazione Pro Montelarco


A.P.M. INFORMA N. 5
Si porta a conoscenza dei Soci che l’Amministratore Giudiziario Ing. Maurizio Munno il 23 giugno u.s. ha ricevuto ufficialmente le consegne da parte del precedente amministratore dimissionario Sig. Tartaro. 
L’Ing. Munno si incontrera` a breve anche con il Sindaco per definire gli aspetti relati agli interventi del Comune circa il pagamento delle bollette Enel, la copertura delle buche e gli oneri collegati all’allaccio alla rete fognaria. Sara` indispensabile che il Comune porti a termine la raccolta delle quote sollecitate dalle ordinanze relative e applicando i termini dell’art 7bis del D.L. n. 267 del 18.08.200 che prevede l’applicazione di sanzioni amministrative per la violazione delle ordinanze comunali.
L’Ing. Munno ha iniziato a lavorare per ricostruire la situazione debitoria e creditoria del Centro. Dopo anni di sostanziale abbandono l’impresa appare ardua e non breve.
Nel frattempo l’APM ha costituito un gruppo di lavoro coordinato dal Socio Giampaolo Pacini e composto dai Sig.ri Cristofori, Gioggi, Joris, Pennarola, Saponaro e Sardella, per mettere a punto un piano di priorita` di interventi da sottoporre in primis all’assemblea dei Soci e poi al nuovo Amministratore Giudiziario.
A questo proposito si rivolge un pressante invito a tutti coloro che avessero suggerimenti e proposte da avanzare, di farli pervenire nel piu` breve tempo possibile all’amico Giampaolo Pacini
Come di consueto Vi terremo informati di ogni accadimento di rilievo.
Cordiali saluti,
Associazione Pro Montelarco
A.P.M. INFORMA N. 4
Cari amici
Il G.O.T. del Tribunale di Tivoli dr.Pagniello, sciogliendo la riserva , ha proceduto - in accoglimento della istanza dei ricorrenti - alla sostituzione del dimissionario dr.Tartaro nominando in sua vece quale nuovo Amministratore Giudiziario del Centro Residenziale Montelarco l'ing.Maurizio Munno, presidente del Consorzio Olgiata. Con lo stesso provvedimento il giudice ha altresì affermato che la competenza a richiedere i "pubblici proclami" per la convocazione della successiva assemblea del Centro Residenziale Montelarco è del nuovo Amministratore Giudiziario,al quale soltanto spetterà -pertanto- di valutare se avanzare richiesta in tal senso al Tribunale medesimo.
Nell'esprimere soddisfazione per questo primo importante risultato,il Consiglio Direttivo della APM rinnova ai Soci l'invito ad intensificare le azioni di proselitismo e ai simpatizzanti quello di aderire finalmente all'Associazione ProMontelarco per dotarla di sempre maggiore capacità di rappresentanza delle istanze comuni verso i nostri naturali interlocutori, per la definitiva rinascita di Montelarco.
Claudio Irace
(Presidente APM) 
A.P.M. INFORMA n.3 
Venerdi 8 Maggio u.s. si e` svolto un incontro tra i responsabili dell’APM ed il Consigliere Comunale delegato per la gestione della raccolta, smaltimento rifiuti e raccolta differenziata, Giovanni Gasperi.
All’incontro era presente il responsabile operativo Sig. Luciano Bontempi. 
Dopo ampia e approfondita discussione su tutti gli aspetti concernenti la problematica della raccolta dei rifiuti nel comprensorio, si e` raggiunta un’intesa di massima sui seguenti aspetti, che comunque dovranno essere attentamente monitorati.
- Il prelievo avra` sempre cadenza giornaliera. Nel caso di tre festivita` consecutive, il prelievo verra` comunque assicurato nella festivita` di mezzo.
- Taglio dell’erba dei giardini: nella presunzione che nella maggioranza dei casi esso avvenga nel fine settimana, a partire da Lunedi 18 c.m., i sacchi contenenti i residui erbosi dovranno essere lasciati davanti al cancello di ogni villa e verranno prelevati tutti i Lunedi.
- Materiale ingombrante: (TV, elettrodomestici, mobili, etc.) il prelievo avverra` su richiesta prenotando l’intervento al numero 347-1414374 oppure al 338-8043927.
- Campane raccolta differenziata: la Provincia attivera` dalla fine dell’anno in corso (in via sperimentale) la raccolta differenziata porta a porta. Nel frattempo per ovviare ai ritardi del prelievo da parte della Provincia, il Comune provvedera` a posizionare nella piazzetta antistante la Casetta Sociale una o due ulteriori campane ed altri cassonetti.
Il caldo estivo rende assolutamente indispensabile per ragioni igieniche ed anche per motivi di decoro urbano, procedere al deposito dei sacchetti dei rifiuti negli appositi cassonetti raccolta rifiuti evitando di lasciarli in terra, dal momento che oltre ad un gesto di scarso rispetto per l’ambiente si configura altresi` come un illecito sanzionabile dalla Polizia Comunale 


A.P.M. INFORMA N. 2 
In data 23 aprile u.s. si è tenuta presso il Tribunale di Tivoli - sez. civile - davanti al G.O.T. dr. Fabrizio Pagniello l’udienza per la discussione dell’istanza, a suo tempo presentata da alcuniproprietari (e attualmente soci APM), tesa ad ottenere la nomina di un
nuovo Amministratore Giudiziario in sostituzione del dimissionario dr. Gianluca Tartaro.L’Associazione Pro Montelarco era presente con il vice presidente ed il tesoriere insieme al dr. Gianpaolo Pacini in rappresentanza dei ricorrenti firmatari.
In tale sede si è costituita una parte avversa alla nomina con una memoria firmata da 49 persone, in realtà rappresentanti 27 unità immobiliari.
Il senso dell’opposizione risiede nella valutazione che essi fanno della inutilità della nomina di un amministratore atteso che il Comune starebbe per subentrare- a loro dire- nella gestione in toto del Comprensorio di Montelarco.Acclusa alla memoria la controparte ha altresì esibito una lettera con la quale chiede al Sindaco di Rignano di rendere conto della gestione dei fondi raccolti con le ordinanze emesse per il pagamento dei debiti con l’ENEL.
Il G.O.T. ha dato alle parti 20 giorni di tempo per presentare nuove memorie aggiuntive a quelle già in suo possesso per meglio illustrare le rispettive posizioni. Il Sindaco di Rignano si è personalmente informato dell’andamento dell’udienza. Nel venire a conoscenza delle valutazioni della controparte ha voluto ricordare:
- Che è più volte intervenuto presso il Tribunale di Tivoli per sollecitare la nomina di un Amministratore Giudiziario;
- Che nelle premesse delle ordinanze da lui emesse si fa esplicito riferimento all’attesa di detta nomina.
Inoltre il Sindaco, ribadendo che non intende assumere la funzione di
Amministratore di Montelarco, ha immediatamente chiesto un incontro
urgente con il presidente del Tribunale di Tivoli per sollecitare la
nomina in questione.
Vi terremo costantemente informati degli ulteriori sviluppi.
IL PRESIDENTE A.P.M.
Claudio IRACE


APM INFORMA N. 1 (notiziario n. 1, del 2 aprile 2009)

- Sondaggio per strade ed acquedotto
Si è concluso con 90 risposte il sondaggio promosso dall’ Associazione, inerente la costituzione di due fondi spese finalizzati alla riparazione delle strade, ed alla manutenzione (ordinaria e straordinaria) dell’ acquedotto.
La percentuale delle risposte positive ha superato la soglia dell’ 85% 
Al momento peraltro, il passaggio all’ attuazione pratica è superato dal fatto che, come noto, in base alle intese raggiunte fra APM e Sindaco, lo stesso ha provveduto ad emanare ordinanze extra-ordinem per la riparazione di buona parte delle strade, e si accinge a fare altrettanto per quanto concerne la manutenzione dell’ acquedotto. Vero è che l’intervento sulle strade riguarda solamente le due percorrenze principali, e le altre strade percorse dal pulmino scolastico. 

- Intervento del Comune sulle strade
Con riferimento al punto precedente, ci è stato comunicato che circa un terzo della somma prevista dall’ordinanza comunale sulle strade sia stato raccolto. I lavori avranno quindi inizio appena il manto stradale sarà asciugato, e le condizioni atmosferiche lo permetteranno.

- Via dei Gemelli 
Per iniziativa di alcuni proprietari lì residenti, che già da alcuni mesi si erano attivati per la costituzione di un adeguato fondo spese, sono state riparate le buche su tutta la via, riportando il manto stradale ad accettabili condizioni di percorribilità. Anche in questo caso verrà chiesto alla Ditta asfaltatrice di emettere fattura a nome del Centro Residenziale Montelarco, per una futura richiesta di rimborso.

- Consiglio Comunale 
Allo scopo di ottenere una riunione di Consiglio focalizzata sulle problematiche dei rapporti con Montelarco, APM ha inviato formali comunicazioni ai componenti di spicco del Consiglio Comunale. I rappresentanti di APM hanno poi avuto separati incontri con:
L’ Ing. Maurizio Conte, vice sindaco e capogruppo della maggioranza.
Il Dr. Fabio Di Lorenzi, presidente del Consiglio Comunale.
Il Sig. Vincenzo Marcorelli, esponente della minoranza.
In tutti e tre questi incontri si è confermata una ampia convergenza sui motivi delle comunicazioni, ed in particolare l’ Ing. Conte ha preso l’impegno di promuovere, nel mese di Aprile 2009, una riunione del Consiglio Comunale, appunto dedicata all’ approfondimento ed alla definitiva chiarificazione dei rapporti tra Amministrazione Comunale e Centro Residenziale Montelarco 

Claudio Irace
(Presidente APM)